O’ Latitant

E’ passato un bel pò di tempo dal mio ultimo articolo in questa rubrica, non ricordo nemmeno quanto, e di fatto sarebbe inutile tentare di farmi perdonare! La scelta del titolo penso sia la più idonea per un mio ritorno… molti mi hanno richiamato giustamente affinché io ritornassi a parlare di quella realtà hip hop che fa di Mondragone "Mondrayork"!

Ebbene all’ennesimo ultimatum del mio webmaster non ho potuto che rimboccarmi le maniche e lavorare… è difficile per me trovare un po’ di tempo e tranquillità per mettermi avanti al mio cadaverico pc e scrivere quattro righe, ma oggi sono riuscito ad avere tempo, idee e volontà.
E’ per me doveroso parlarvi innanzitutto del successo della seconda edizione della Crazy Summer Jam! Successo dovuto soprattutto ad un team organizzativo che ha lavorato sodo per mesi affinché si potessero avere ospiti del calibro di Yoshi Torenaga (aka Tormento), Esa (Gente Guasta), e ovviamente i nostri soci di Napoli, 081 Sub SoundGrezzo Partenope.
La jam ha visto la partecipazione di molti b-boyz campani, l’affluenza è stata massiccia specialmente nella giornata di sabato, quella del concerto per capirci, che ha visto piazza Marechiaro inondata di ragazzi che non aspettavano altro per divertirsi senza sfrecciare su scooters ecc. Tutti, anche i più temerari si sono adattati all’atmosfera che si era creata.
L’area skating ha visto la partecipazione di molti ragazzi della zona soprattutto grazie al supporto di Luigi Crime (un mito) che da un anno si batte per far avere a questi giovani skaters uno spazio per allenarsi e per autocostruirsi rampe e altro materiale utile.
Le pareti dei bar, come nella scorsa edizione sono state rivitalizzate, dai colori e dalle lettere di numerosi writers giunti da Napoli e periferia. Il primo giorno abbiamo visto all’opera Acer e il suo socio Carosone (due grandi!), alle loro spalle ha iniziato a dipingere Zeus, Farti e Rota (TCK) che hanno anche ballato in seguito, entrambi i gruppi, come tutti i writers presenti, prolungheranno la murata fino al terzo giorno presi dalla jam.
Il giorno successivo hanno iniziato a tracciare linee il resto dei ragazzi presenti, Foko, Pelo, Tape e il sottoscritto (LDK Staff), Rino Dosher (CTA – BN – IEN) e l’onnipresente Dias (frat’m gianluc e soci). L’ultimo giorno la zona è stata preda dei writers che non hanno trovato spazio, e non sempre è stato solo bombing, una piccola cabina elettrica è stata trasformata in un vero e proprio quadro decifrabile solo dopo la spiegazione di Armando AM che l’aveva dipinta, un vero e proprio viaggio tra tratti inimmaginabili, puppet piccolissimi e tanto di sfondo, da vedere!
Ho terminato la mia autonomia per ora ma vi assicuro una maggiore partecipazione alla rubrica, al più presto troverete nuove foto del mio staff ldk, come quelle della jam a Teano e di quella a Mugnano, wholetrain ecc. Ho programmato un po’ di cose spero solo di riuscire ad essere operativo e di essere assecondato dal mio pigro webmaster.
Alla prox…YO!

Lascia un commento