Introduzione Ufologica

U.F.O.: unidentified flying object.
Oggetto volante non identificato.
Da sigla è divenuto termine vero e proprio inserito perfino nei dizionari, fra i neologismi, diventando sinonimo di “evento insolito e misterioso dell’immaginario collettivo”, di “fenomeno del tutto estraneo alla realtà che ci circonda” , di “realtà extraterrestre”.
Siamo soli nell’universo?
Siamo visitati da esseri extraterrestri?
Tali eventuali visite si sono verificate anche nel passato?
Quale ruolo assumerebbero nei nostri confronti tali intelligenze?
Quali conseguenze scaturirebbero da un contatto con creature di altri mondi?
Cosa ci attende nel cosmo oltre la terra?
A tali enigmi cercheremo di dare delle risposte serene attraverso una lunga serie di notizie provenienti da tutto il mondo che provano la realtà del fenomeno U.F.O.
La storia degli avvistamenti di oggetti volanti non identificati attraversa i secoli fino ai casi più eclatanti avvenuti negli U.S.A. negli anni della guerra fredda. Proprio negli U.S.A. un americano su sette sostiene di aver visto personalmente un U.F.O. Quale importanza attribuire ad un evento che tuttora viene considerato dai depositari del “sapere ufficiale” nulla più che la versione moderna dell’asino che vola? Troppa è l’ostinazione con cui l’ufficialità ha cercato e cerca di convincerci della stupidità del fenomeno U.F.O. Gli avvistamenti di “cose insolite” nel cielo o sul terreno ammontano a varie centinaia di migliaia. Essi avvengono in ogni parte del pianeta e sono dovuti, in percentuale significativa, a testimoni altamente qualificati. Non di rado risultano confermati da intercettazioni radar, foto, filmati, tracce esaminabili a posteriori.
I casi storici e attuali dell’ufologia saranno approfonditi in questa rubrica che vi invitiamo a seguire.

Lascia un commento